mercoledì 7 settembre 2011

Nuove immagini dei siti Apollo

6 settembre 2011


La sonda LRO (Lunar Reconnaissance Orbiter) che prepara il ritorno dell'uomo sulla luna continua nel suo lavoro incessante.


Nelle immagini precedenti le tracce del rover erano visibili, ma ora sono linee parallele definite sulla superficie. Presso il sito di Apollo 17, le tracce lasciate dal rover lunare sono chiaramente visibili, come i passi degli astronauti. Le immagini mostrano anche dove gli astronauti hanno lasciato alcuni degli strumenti scientifici.


"Siamo in grado di ripercorrere i passi degli astronauti con maggiore chiarezza per vedere dove hanno preso campioni lunari", ha detto Noah Petro, un geologo lunare
membro del team scientifico del progetto LRO. Presso il Goddard Space Flight Center di Greenbelt, nel Maryland.


Jim Green, direttore del Planetary Science Division della NASA a Washington: "Queste immagini ci ricordano la fantastica avventura delle missioni Apollo e ci invitano a continuare ad andare avanti nell'esplorazione del nostro sistema solare",


La risoluzione più alta di queste immagini è stata possibile perché sono state effettuate delle rettifiche all'orbita ellittica della sonda LRO.
Goddard John Keller, vice LRO scienziato del progetto: "Senza cambiare l'altitudine media, abbiamo fatto un'orbita più ellittica, quindi la parte più bassa dell'orbita si trova sul lato soleggiato della luna, questo ha permesso in una posizione perfetta per prendere queste nuove immagini della superficie."


La manovra ha abbassato LRO dalla sua quota abituale di circa 50 chilometri ad una altitudine che immerso più bassa di circa 21 chilometri mentre passava sulla superficie della luna. La navicella è rimasta in questa orbita per 28 giorni, tempo sufficiente alla luna di ruotare completamente. Questo permette una copertura completa della superficie da parte della Wide Angle Camera di LROC. Il ciclo si conclude oggi, quando la navicella spaziale sarà restituita alla sua orbita originaria.
"Il passaggio ad una quota più bassa, migliora molto la nostra visione della superficie della luna", ha detto il ricercatore Mark Robinson, ricercatore principale del Lunar Reconnaissance Orbiter Camera (LROC). "Un grande esempio è la nitidezza delle tracce del rover sul sito di Apollo 17.
Immagini e video

Nessun commento:

Cerca nel blog